IL MIGLIOR PSICANALISTA DELLE DONNE E’ IL LORO PARRUCCHIERE

Ecco il titolo che Ele e Vale hanno pensato per la serata che terranno presso il salone Creare Acconciature, ospiti di Tiziana e Marisa. Si sa che noi donne siamo quasi sempre insoddisfatte dei nostri capelli e ci sentiamo bene solo appena uscite dal parrucchiere. Bene, questa volta siete tutte invitate dal parrucchiere, non per farvi mettere le mani in testa, ma per una  bella chiacchierata sull’alimentazione, sui cosmetici naturali e tutto quello che bisogna o non bisogna fare per la salute dei vostri capelli.

Segnate sull’agenda: giovedi 10 maggio  presso il salone Creare Acconciature, Piazza Papa Giovanni XXIII, Ranica ore 20.30 Ele e Vale, Tiziana e Marisa vi  accoglieranno per fare dei vostri capelli il vostro punto di forza!

p.s. per arrivare preparate andate a leggere il nostro post “La treccia di Raperonzolo”

Buona salute.

www.creareacconciature.it

Annunci

La treccia di Raperonzolo.

I capelli sono simbolo di bellezza e femminilità, un capello sano e luminoso dona al nostro viso una luce diversa. L’importanza che riveste la nostra capigliatura la capiamo anche dal fatto che ci sono tantissime donne che passano la vita alla ricerca del parrucchiere giusto, senza essere mai soddisfatte.

Fortunatamente abbiamo a disposizione tanti piccoli suggerimenti per ottenere capelli lucidi e sani. Si deve agire sia dall’interno con alimenti o estratti erboristici, che dall’esterno con impacchi e shampoo.

Dal punto di vista dell’alimentazione vi suggeriamo come rimedio di eccellenza il miglio.

Il Miglio è ricco in sali minerali ( magnesio, fosforo, silicio, ferro); contiene 11 aminoacidi; vitamine ( B1, B2, A), proteine e fibre. Non contiene glutine.

E’ molto utile a rafforzare i nostri capelli perchè essi sono ghiotti delle vitamine del gruppo B, del silicio e del ferro contenuto nel cereale. Bisogna aprire una piccola parentesi sul fatto che il nostro organismo assorbe meglio i nutrienti quando si ritrovano in un alimento o estratto erbale piuttosto che quelli di sintesi che il nostro fisico non riconosce. ( svilupperemo meglio l’argomento in seguito).

In cucina è molto versatile, si può utilizzare per insalate fredde, nei minestroni, per delle squisite polpette, per dei ripieni o addirittura per preparare degli squisiti dolci.

Come prima cosa vi speghiamo come si cuoce: per ogni persona misurare in una tazzina da caffè una dose di miglio, aggiungere il doppio di acqua ( 2 tazzine), non salata, mettere a fuoco bassissimo coperto, far cuocere finchè non si assorbe tutta l’acqua, una volta assorbito il liquido, spegnere e lasciare coperto qualche minuto per lasciarlo gonfiare ( impiega circa 10-12 min). Questo tipo di cottura è valido per tutti i cereali, riso, avena, orzo, amaranto…

Una volta che avete cotto il vostro miglio potete divertirvi con tantissime ricettine, prendendo spunto dal nostro sito di fiducia inserendo in search la parola chiave “miglio”o sbizzarrirvi con la vostra fantasia.

Piccolo consiglio, come dicevamo è ottimo nel minestrone, ma se i vostri figli o vostro marito non apprezzano, fatelo cuocere come detto prima, aggiungetelo e poi frullate tutto con il minipimer!

Potete trovare un’ altro forte alleato nell’equiseto.

L’Equiseto spicca per la sua ricchezza in silicio , costituente  fondamentale di pelle e annessi cutanei ( unghie, capelli, peli). Con la dieta moderna questo elemento può essere un po’ carente. Il silicio è contenuto nelle acque, nei cereali, nella frutta, nei legumi. Se abitiamo in zone con terreno calcareo l’acqua può essere povera di silicio, la raffinazione dei cereali determina una minor presenza del minerale ( altro argomento da approfondire) proprio per questo può essere utile integrarlo tramite tisane, estratti idroalcolici o capsule ( reperibili in erboristeria). Il Silicio è importantissimo anche per aiutare le ossa e quindi contro l’osteoporosi.

Durante i cambi di stagione è normale che i capelli siano un pochino più deboli, non occorre allarmarsi e ricordatevi che è normale perdere fino a circa 100 capelli al giorno!

Se lo scarso tono dei capelli dipende da un nostro momento di stanchezza e stress possiamo aiutarci con delle piante adattogene o ricostutuenti. ( la sindrome del lunedì mattina).

Come rimineralizzante e nutriente per i capelli possiamo ricordare anche il lievito di birra, con un punto di domanda, perchè può dare un pochino di gonfiore intestinale.

Finalmente arriviamo all’argomento un po’ più vanitoso, i cosmetici.  Esistono una miriade di oli vegetali per dei fantastici impacchi con risultati assicurati.

L’Olio di Cocco: estratto dalla polpa delle noci di cocco, è ricchissimo in acidi grassi utili a rigenerare pelle e capelli secchi. E’ indicato anche come protettivo solare che come doposole. Rinforza i capelli e li rende più lucidi.

L’Olio di Calophylla o tamanu: si ricava da questa pianta molto diffusa in oceania. Utile per le pelli mature e le bruciature, rinforza e lucida i capelli. Può essere massaggiato sulla cute contro forfora e seborrea.

L’Olio di Sesamo: è il rimedio di eccellenza per la medicina Ayurvedica, è un ottimo seboregolatore ed antiossidante. Contiene vit E, calcio, magnesio, fosforo e acidi grassi essenziali. E’ un emolliente naturale e si utilizza anche per problemi del cuoio capelluto come forfora e seborrea.

Ricordiamo anche l’Olio di Jojoba, rigenerante; l’Olio di Albicocca o Armellina molto utile per capelli secchi, fragili e devitalizzati.

Per ottenere l’olio più adatto al vostro tipo di capelli potete divertirvi a miscelare i vari oli e aggiungere qualche olio essenziale. Lavanda vera: purifica il cuoio capelluto, protegge la struttura del capello. Incenso: ristrutturante e rivitalizzante per capelli invecchiati, sciupati e devitalizzati. Limone: buon anticaduta, rinforzante per capelli fini, ottimo per capelli grassi e con forfora. Salvia: dermopurificante, anticaduta , rinforzante e deodorante. Tea tree oil: utile come purificante, in caso di pidocchi e cute infiammata.

La maschera deve essere applicata sul capello asciutto, tenere in posa almeno 1 ora oppure tutta la notte mettendo una salvietta sul cuscino, per evitare di ungere la federa.

 Indicata anche l’aggiunta negli shampoo.

E ora facciamo un piccolo accenno a cosa NON ci deve essere nello shampoo!!!

–                    In primis non devono essere presenti tensioattivi aggressivi, quali SLS e SLES ( sodio laurilsolfato e sodio laureth solfato), hanno azione sgrassante eccessiva portano a prurito secchezza e in alcuni casi desquamazione e forfora. Cerchiamo quelli più dolci di derivazione vegetale.

–                    Oli sintetici tra cui spiccano i siliconi, indicato con il nome di dimeticone. Formano una patina che non lascia respirare il capello.

–                    In presenza di pelle e cuoio capelluto sensibile attenti ai Profumi, alcuni sono veramente irritanti, scegliere shampoo con profumi naturali ( ricavati da oli essenziali).

–                    Attenzione ai conservanti, i più comuni sono i parabeni, teniamo presente che sono sempre ingredienti di sintesi dalla tossicità dubbia. Ricordiamo che gli oli essenziali oltre a profumare hanno anche proprietà antibatteriche.

Benissimo ora sappiamo tutto sui trattamenti di bellezza per la nostra chioma, vi lasciamo un paio di suggerimenti pratici: quando fate lo shampoo per non sprecare prodotto diluitelo in un pochino di acqua ( magari nel vecchio barattolo di shampoo finito), in realtà basta pochissimo prodotto; durante lo shampoo sfregate delicatamente solo la cute non la punta dei capelli, eviterete di sfibrare le lunghezze; una volta che avete la salvietta a modi turbante non tenetela troppo a lungo, le radici prendono la piega verso l’alto,  a meno che non vogliate un ciuffo alla little Tony…

Buona bellezza e Buona salute a tutti.