Le malade imaginaire.

 

 

Capita, a volte di avere delle convinzioni e poi doversi ricredere. Capita anche di ammalarsi e di avere crisi ipocondriache. Capita,quindi, di comprare 2 kg di arance da spremuta, convinta che un tripudio di vitamina C tutta naturale possa servire a far passare in tempo record l’otite. Capita poi di prendere in mano il libro dei rimedi naturali e di leggere sotto il capitolo OTITE: “si consiglia di verificare eventuali allergie alimentari, in particolar modo per quanto riguarda -e qui si sfonda una porta aperta-  i latticini, agrumi, soia, uova, zucchero e cioccolato. Ma come??? E la vitamina C, da dove la prendo? Attimi di panico non giustificati mi portano a rovistare in tutti gli esami clinici fatti nella mia vita, con massimo pentimento per aver, ebbene si lo ammetto, acquistato dal fruttivendolo arance del Sud Africa e non italiane perché non sono ancor disponibili. Poi realizzo che non sono mai stata allergica agli agrumi.

Brrrrrr….

Questo drastico calo delle temperature di certo non giova alla salute, visto che siamo passati da 34 a 20 gradi. Per chi non ha ancora avuto il classico raffreddore consiglio vitamina C, possibilmente ricavata da fonti naturali, come acerola, lampone e rosa canina, per stimolare il sistema immunitario. Per chi invece fosse nel pieno di una bella congestione nasale suggerisco propoli, che in caso di mal di gola è un potente disinfettante, e oltre alla vitamina C, la miglior soluzione sono i suffumigi con gli oli essenziali da fare 2-3 volte al giorno. I più indicati sono eucalipto e menta per decongestionare,  ma potete aggiungere anche una goccia di olio essenziale di lavanda per conciliare il sonno ( attenzione non usate più di 2-3 gocce di olio essenziale, sono molto concentrati e potrebbero irritare le mucose nasali, peggiorando il problema).Per i bambini sono più indicati suffumigi con solo bicarbonato. Prima di andare a aletto una tisana con qualche goccia di limone spremuto, miele e cannella aiuterà a riposare.

Mangiate tante verdure cotte al vapore e zuppe ma soprattutto bevete molta acqua o tisane balsamiche.

EVITATE LATTE E LATTICINI PERCHE’ NON FANNO ALTRO CHE AUMENTARE LA SECREZIONE DI MUCO, AGGRAVANDO I SINTOMI!!!

Sindrome da rientro.

Reduce da una rilassante settimana di mare, ripresi i soliti ritmi lavorativi, vedo già la mia abbronzatura impallidire  e sono già nell’ottica che l’estate sta per finire: devo provvedere! Suggerisco un duplice rimedio con un solo ingrediente: l’olivello spinoso.

L’olio di olivello è perfetto per mantenere l’abbronzatura, rende la pelle morbida e luminosa, soprattutto se applicato dopo la doccia.

Il succo di olivello, invece, ricco di vitamina C, da un sostegno alle difese immunitarie per fronteggiare l’inverno.

Buon rientro a tutti.